Ecco le sette preghiere più potenti della Chiesa cattolica

Tutti noi affrontiamo circostanze straordinarie di volta in volta. Ci è stato consigliato di gestire questi tempi cercando Dio nella preghiera e nel digiuno, per essere particolarmente attenti alle sue parole e all’opera dello Spirito Santo. Se siamo ricettivi alla sua volontà, Dio provvederà ai nostri bisogni e ci soddisferà per qualsiasi cosa.

In tali circostanze, facciamo bene a concentrarci sulle preghiere più potenti date dai nostri antenati. Per tempi straordinari, ecco le sette preghiere più potenti della storia. Queste preghiere hanno il potenziale per cambiare la vita. Alcuni hanno addirittura cambiato intere nazioni. Mentre preghi, considera il potere che ciascuna di queste preghiere ha e i cambiamenti che possono apportare nella tua vita, se dovessi prenderle a cuore. Padre Nostro – Questa è la preghiera cristiana per antonomasia, data a noi da Gesù Cristo stesso. È sufficiente una preghiera per tutte le occasioni che colpisca tutte le basi. Riconosce la grandezza di Dio, invita la volontà di Dio, chiede a Dio i nostri bisogni e chiede perdono mentre ci impegniamo a perdonare. Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; Venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano; e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori; e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. Ave Maria – Questa preghiera è notevole perché è dedicata alla Regina del Cielo, Maria, la cui intercessione è particolarmente potente. Questa preghiera straordinariamente semplice ha pochi elementi, ma tutti sono presi dalle Scritture. Loda Maria e chiede la sua intercessione. È breve, quindi può essere facilmente memorizzato e recitata rapidamente, ed è la spina dorsale della devozione del Rosario, che è probabilmente la devozione più potente del mondo. Con innumerevoli miracoli e conversioni al suo attivo, l’Ave Maria è una composizione straordinaria.

Ave Maria piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta tra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno Gesù. Santa Maria Madre di Dio, prega per noi peccatori ora e nell’ora della nostra morte Amen. La preghiera di Iabes – Questa è una preghiera che cambia la vita. È spesso trascurato perché è sepolto in profondità in una genealogia dell’Antico Testamento e si riferisce a una persona che non ha scritto libri. Fu scritto da Ezra, l’autore di 1 Cronache. La preghiera è una petizione, chiedendo a Dio una benedizione di abbondanza e protezione. Iabes invocò il Dio d’Israele, dicendo: «Benedicimi, ti prego; allarga i miei confini; sia la tua mano con me e preservami dal male in modo che io non debba soffrire!» E Dio gli concesse quanto aveva chiesto.. (1 Cronache 4:10)

La preghiera di Giona per la salvezza – Tutti affrontiamo angoscia. Giona si trovò nella pancia del leviatano, e da questo luogo di assoluta disperazione e disperazione, gridò per la salvezza. Quante volte ci troviamo già nella pancia della bestia? Eppure, anche da questo luogo possiamo gridare al Signore e tuttavia Egli ci salva! Giona 2:3-10 3 «Io ho gridato al SIGNORE, dal fondo della mia angoscia, ed egli mi ha risposto; dalla profondità del soggiorno dei morti ho gridato e tu hai udito la mia voce. 4 Tu mi hai gettato nell’abisso, nel cuore del mare; la corrente mi ha circondato, tutte le tue onde e tutti i tuoi flutti mi hanno travolto. 5 Io dicevo: “Sono cacciato lontano dal tuo sguardo! Come potrei vedere ancora il tuo tempio santo?” 6 Le acque mi hanno sommerso; l’abisso mi ha inghiottito; le alghe si sono attorcigliate alla mia testa. 7 Sono sprofondato fino alle radici dei monti; la terra ha chiuso le sue sbarre su di me per sempre; ma tu mi hai fatto risalire dalla fossa, o SIGNORE, mio Dio! 8 Quando la vita veniva meno in me, io mi sono ricordato del SIGNORE e la mia preghiera è giunta fino a te, nel tuo tempio santo. 9 Quelli che onorano gli idoli vani allontanano da sé la grazia; 10 ma io ti offrirò sacrifici, con canti di lode; adempirò i voti che ho fatto. La salvezza viene dal SIGNORE».

 

La preghiera di liberazione di David – Inseguito da suo fratello, Davide pregò Dio di liberarlo dai suoi nemici. Sembra che molti di noi abbiano nemici che, per un senso distorto di giustizia, o forse per il male, cercano di distruggerci. Invece di cercare misericordia e accordo comune, credono di poter essere soddisfatti solo della nostra rovina. Di fronte a tale male, possiamo chiedere a Dio di proteggerci. 1 Salmo di Davide, composto quand’egli fuggiva davanti ad Absalom, suo figlio. O SIGNORE, quanto sono numerosi i miei nemici! Molti sono quelli che insorgono contro di me, 2 molti quelli che dicono di me: «Non c’è più salvezza per lui presso Dio!» [Pausa3 Ma tu, o SIGNORE, sei uno scudo attorno a me, sei la mia gloria, colui che mi rialza il capo. 4 Con la mia voce io grido al SIGNORE, ed egli mi risponde dal suo monte santo. [Pausa5 Io mi sono coricato e ho dormito, poi mi sono risvegliato, perché il SIGNORE mi sostiene. 6 Io non temo le miriadi di genti
che si sono accampate contro di me d’ogni intorno. 7 Ergiti, o SIGNORE, salvami, Dio mio; poiché tu hai percosso tutti i miei nemici sulla guancia, hai rotto i denti agli empi. 8 Al SIGNORE appartiene la salvezza; la tua benedizione sia sul tuo popolo! [Pausa] (Salmo 3)

Preghiera a San Michele Arcangelo – Ci sono poche parole che il diavolo odia specialmente quando sente queste. San Michele è il difensore di tutti i fedeli e la sua spada è rapida e acuta. Di fronte al male, queste parole invocano la protezione di San Michele e invitano la sua incredibile intercessione. O Principe gloriosissimo delle milizie celesti, San Michele Arcangelo, difendici nei combattimenti e nelle lotte terribili che dobbiamo sostenere in questo mondo, contro il nemico infernale.  Vieni in aiuto agli uomini, combatti ora coll’esercito degli angeli Santi le battaglie del Signore, come già pugnasti contro il capo degli orgogliosi, Lucifero, e gli angeli decaduti che lo seguirono.  Tu Principe invincibile, soccorri il popolo di Dio e procurali la vittoria.  Tu che la Santa Chiesa venera come custode e patrono e si gloria di avere a suo difensore contro le malvagie dell’inferno.  Tu a cui l’Eterno ha confidato le anime per condurle nella celeste beatitudine, prega per noi il Dio della pace, affinchè il demonio sia umiliato e vinto e più non possa tenere gli uomini sotto la schiavitù, nè nuocere alla santa Chiesa.  Offri al trono dell’Altissimo le nostre preghiere affinchè le sue misericordie scendano tosto su di noi e l’infernale nemico più non possa sedurre e perdere il popolo cristiano.  Così sia. 

Gesù al Getsemani – Questa preghiera è forse la preghiera più semplice, ma più profonda che si possa recitare. Parlato da Gesù, dimostra come dobbiamo accettare la volontà di Dio, anche quando non ci piace. Accettando la volontà di Dio, possiamo essere trasfigurati. A volte, il calice viene a noi, il tuo sarà fatto. «Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Però non la mia volontà, ma la tua sia fatta». (Luca 22:42)

Lascia un commento